Le agognate ferie possono trasformarsi in vacanze da incubo (anche per i vip)

2017estate-924984
Collage fotografico tratto dal sito “Dagospia”

Giuseppe Candela per http://www.oggi.it/ (31 luglio 2017)

Una barca rotta, l’albergo in fiamme, l’arrivo dell’uragano, un incontro ravvicinato con un animale pericoloso. Le agognate ferie possono trasformarsi in vacanze da incubo. Gli inconvenienti in viaggio colpiscono tutti, compresi i vip di casa nostra.

INCONTRI RAVVICINATI

Iva Zanicchi e Cristiano Malgioglio hanno dovuto fare i conti con animali molto pericolosi. La cantante in montagna nella sua Ligonchio ha trovato una vipera: «Era enorme, sembrava in posizione d’attacco, ero terrorizzata. D’istinto ho cercato un palo per colpirla. La montagna richiede alcune accortezze». È andata peggio al ciuffo biondo della musica italiana: «A Cuba alcuni amici mi hanno portato a vedere i coccodrilli. Uno dei questi fugge dalla rete ed esplode il panico. Era quasi a dieci metri da me, sono rimasto pietrificato. La sicurezza è intervenuta e gli ha sparato. Un incubo».

E L’ALBERGO DOV’È?

Problemi d’albergo, invece, per Fabrizio Frizzi. A Riccione l’hotel dove andava ogni anno era pieno e non si trovava un posto per dormire: «Avevo 21 anni e per venti giorni ho dormito in spiaggia. In più, non ero abbronzato ma bruciato. Fu una vacanza da incubo ma a distanza di anni la ricordo con tenerezza perché sono quelle cose che forgiano». Natalia Estrada alle Isole Vergini è stata invece accolta dall’uragano Lenny. Panico e paura. Ha cercato in extremis un volo privato per tornare in Italia e qui ha scoperto che l’albergo di Virgin Gorda dove alloggiava era stato completamente devastato.

BIGLIETTI SBAGLIATI

Loredana Lecciso è stata invece vittima del più banale problema con gli aerei: «Ero alle Seychelles con Al Bano e al momento di ritornare in Italia ci furono problemi con i biglietti. Per colpa di un equivoco erano sbagliati, tornammo in albergo per ripartire il giorno dopo. Al Bano aveva impegni importanti di lavoro e gliene cantò quattro».

IN BALIA DELLE ONDE

«Sono rimasta in mezzo al mare di notte in Sardegna, si era rotto il timone di una barca a vela. Ero con mio marito (Ricky Tognazzi, ndr), mio figlio Francesco e un suo amico che aveva 40 di febbre. Lo skipper non sembrava espertissimo, tremavo ed ero terrorizzata. Ho creduto di non arrivare più», racconta Simona Izzo a Oggi. L’attrice per lo spavento non ha messo più piede su una barca per due anni. Restando in tema, Mara Venier e suo marito Nicola Carraro si sono imbattuti in un gruppo di pirati ai Caraibi. Sembra un film ma è la realtà. Nel 2011 la coppia mentre si trovava in barca ha dovuto affrontare l’aggressione di un’intera flotta di barchini-pirati: i rapinatori hanno portato via soldi e oggetti.

INFERNO DI CRISTALLO

L’incubo per Lorena Bianchetti si chiama Toronto. La conduttrice si trovava in Canada e nella sua stanza d’albergo avvertiva strani rumori: «Dalla reception nessuna risposta, apro la porta e vedo scene di panico: tutti corrono e scappano». Era passato poco tempo dall’attentato dell’11 settembre a New York: «C’era qualcosa che stava andando a fuoco nel grattacielo. Ho fatto 26 piani a piedi e sono corsa nella hall in pigiama. Uno spavento che non ho più dimenticato».

FREDDO DA INFARTO

L’aria condizionata sembra essere l’unico rimedio al caldo ma può provocare molti danni, ne sa qualcosa Rita Dalla Chiesa. La conduttrice ha deciso di raggiungere Palermo con la nave ma si è ritrovata in una cabina praticamente ghiacciata. «Sembrava davvero di stare al Polo Nord, ho dormito con un maglioncino ma è servito a poco. Sono finita in ospedale per dolori al petto molto forti, mi hanno tenuto in osservazione per due giorni perché all’inizio temevano potesse trattarsi di un infarto. Per fortuna non era così, ho preso del cortisone e sono tornata a casa. Ma le mie vacanze sono finite ancora prime di iniziare», ci racconta la conduttrice.

Precedente Un'estate "bollente"! Successivo Turisti barbari