Ecco perché conviene davvero aiutare i migranti a casa loro

Foto Vincenzo Livieri - LaPresse
Foto Vincenzo Livieri – LaPresse

Giuseppe Bianchimani per http://www.ilfattoquotidiano.it/ (14 luglio 2017) 

Secondo le valutazioni effettuate nel Def (documento di economia e finanza) il costo per il soccorso, assistenza sanitaria, alloggio e istruzione per i minori non accompagnati, sarà al netto dei contributi provenienti dall’Ue, pari a 4,2 miliardi (0,25 per cento del Pil) nel 2017. Va sottolineato che nel documento redatto dal dipartimento del Tesoro la spesa è calcolata su un’ipotesi di “scenario stazionario”, detto in altri termini di flusso migratorio con crescita costante. Purtroppo questa è un’ipotesi già in parte sconfessata dal notevole afflusso di migranti dei primi mesi dell’anno. La spesa è cresciuta notevolmente rispetto al 2016 in cui si utilizzavano “solo” 3,6 miliardi (0,22 per cento del Pil). Se i flussi dovessero aumentare, il Def prevede una potenziale aggiunta di 400 milioni di euro, per un totale di 4,6 miliardi (0,27% del Pil) che corrisponderebbero ad un miliardo in più rispetto al 2016. Quanti soldi stanzia l’Italia per finanziare il programma di sviluppo dell’Africa? Come si può notare dalla tabella, i dati sono raccolti dallo studio Ocse Geographical distribution of financial flow to developing countries, il finanziamento al programma di assistenza per l’Africa al di sotto del Sahara si è dimezzato in sei anni, passando da 415,8 milioni di dollari a 205,6 milioni, il 51,1% in meno. Con il cambio attuale la cifra stanziata corrisponde a 234,38 milioni di euro. Se si raddoppiasse questa spesa (469 milioni di euro) si tratterebbe del solo 11% se confrontato ai 4,2 miliardi stimati dal Def. Forse si dovrebbe iniziare ad affrontare l’eccesso di immigrazione da una prospettiva diversa?

Precedente La mafia dei terreni che incendia l'Italia Successivo Ecco come è nata "Faccetta nera"